FUSE Italia sponsorizza l’OBE Summit e lancia una nuova iniziativa dedicata alla narrazione di brand: #thisisaFUSEmasterclass

FUSE Italia, divisione di branded entertainment e content marketing di OMG – sponsorizzerà l’appuntamento annuale di OBE, l’Osservatorio di Branded Entertainment diretto da Anna Gavazzi, con una nuova iniziativa dedicata alla narrazione di brand.

FUSE storytelling masterclass è infatti un format creato per portare la conversazione sullo storytelling di marca a un livello più avanzato, grazie al contributo di scrittori, registi ed entertainer italiani. Il primo appuntamento si terrà il 14 maggio all’OBE Summit 2019 e sarà condotto da Alessandro Baricco, scrittore e fondatore di Scuola Holden.

A caccia di storie e nuove idee, il progetto #thisisaFUSEmasterclass crescerà con i successivi incontri in partnership con altri mondi, piattaforme e con altre connessioni, toccando ed esplorando i diversi territori della comunicazione e della creatività.

Ludovica Federighi, Head of FUSE, commenta nella nota: “Gli ospiti delle nostre Masterclass non saranno solo guest dell’evento, ma protagonisti a tutti gli effetti del dibattito culturale intorno allo storytelling di marca in Italia. Con questo progetto vogliamo dare il via ad una serie di appuntamenti con partner d’eccellenza della comunicazione e dell’entertainment, che aiuteranno a fare luce sulle trame e le regole che la marca deve seguire per fare davvero la differenza e coinvolgere il pubblico in una grande storia, che valga la pena di essere ricordata. Se vi state chiedendo di cosa parlerà esattamente Baricco sappiate solo che una volta lo abbiamo sentito mettere insieme Alessandro Magno,  la Trierweiler, Mario Draghi, Michelle Obama e il referto di una gastroscopia  in una lezione sullo storytelling”.

Anna Vitiello, Chief Experience Officer di FUSE e Head of OBE Insight Hub presenterà inoltre, insieme a Doxa, gli insight della ricerca OBE sull’efficacia del BC&E video su web, di cui Annalect – la divisione dati di Omnicom Media Group – è sponsor.

 

Questo articolo è uscito su YouMark

Leave a Reply